L’abbraccio di Padova a Brindisi

Brindisi 24 maggio. A Brindisi la solidarietà e l’amicizia di Padova, dopo l’attentato che ha scosso la comunità pugliese, è giunta da un insolito ambasciatore: “Un giro per la vita”, primo tour ecologico costiero in barca a vela e Porsche ibrida partito il 30 aprile dal Friuli per la Liguria.

Nella sua tappa brindisina, il tour ha infatti deciso di ritardare di un giorno la partenza alla volta di Santa Maria di Leuca, per far visita alla scuola Morvillo Falcone portando una testimonianza di amicizia anche a nome del Comune di Padova (tra i patrocinatori dell’iniziativa assieme al Ministero dell’Ambiente e alla Lega Navale Italiana). Così stamattina il velista e scrittore padovano Alfredo Giacon, comandante della Sly 42 Fun che sta partecipando al giro, ha consegnato nelle mani dell’assessore comunale all’Istruzione e allo Sport di Brindisi Antonio Giunta e di Cosimo Taddio preside della scuola frequentata da Melissa Bassi, il sigillo di Sant’Antonio. “Sono entrato nella scuola presidiata da forze dell’ordine e televisioni- racconta Giacon- dentro solo qualche studente arrivato alla spicciolata. Mi accompagnava l’assessore e a ricevermi c’era il preside. Un incontro emozionante durato mezz’ora, nella grande confusione, passando davanti alle classi vuote. L’aula della povera Melissa Bassi era chiusa, tutti i banchi spostati tranne il suo, nell’ultima fila, lasciato dove abitualmente si trovava, ma pieno di oggetti depositati dai suoi compagni: pupazzetti, disegni, pensieri. Ora c’è anche il sigillo di Padova che ho lasciato come ambasciatore della città del Santo. Fuori un mare di fiori e di messaggi. Tutti ripetono: Bisogna andare avanti, senza paura del futuro.”

Alfredo Giacon racconta di una scuola che sembra quasi sotto sequestro, dove non è ammesso scattare foto all’interno. “Ho portato un tangibile segno di vicinanza di Padova a questa città prostrata; e a nome del nostro Comune, come mi ha chiesto espressamente l’assessore Ivo Rossi che segue la nostra iniziativa, ho porto le condoglianze a quello di Brindisi”.

Alfredo Giacon non è nuovo a rappresentare Padova nelle sue veleggiate ecologiche in giro per il mondo. L’ultimo riconoscimento, il premio “Un bosco per Kyoto” conferitogli in gennaio al Campidoglio a Roma per l’impegno ambientalista, l’ha offerto qualche giorno fa alla città del Santo.

 

Il giro prosegue con le tappe e i reportage visitabili sul sito www.ungiroperlavita.it, www.automoto.it, www.porsche.it

Approda a Bari Un giro per la vita

Venerdì 18 maggio 2012 farà tappa per tre giorni nella darsena del Centro Universitario Sportivo di Bari (Lungomare Starita 1/a) “Un Giro per la vita”, la manifestazione promossa dall’Associazione ASD Jancris, con la partnership di Porsche Italia e Sly Marine e con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente, Lega Navale Italiana, Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Centro Internazionale Radio Medico, Assonautica, Eurispes, Acegas Aps, Centro Sportivo Italiano, Federazione Italiana Vela e, in ambito locale, con l’appoggio di CUS, Centro Sportivo Italiano, Capitaneria di porto e Lega Navale di Bari.

Attraverso un percorso marino e stradale lungo le coste della penisola da Trieste a Andora (Sv), l'iniziativa si propone di valorizzare gli stili di vita del mare come modello di sviluppo sociale ed economico sostenibile.

Il viaggio è effettuato via mare dalla barca a vela Sly 42 Fun della Sly Marine, con tre persone di equipaggio a bordo (Alfredo Giacon, Nicoletta Siviero, Renato Carafa) e via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, guidata dal giornalista Roberto Brumat, che ospiterà a bordo della vettura di volta in volta i colleghi dei media locali.

 

 

La tappa di Bari propone i seguenti appuntamenti:

 

Venerdì 18 maggio 2012

ore 19, 30  Arrivo al CUS di Bari della Porsche Panamera S Hybrid che sarà posizionata nelle vicinanze della barca SLY 42 FUN

ore 20 circa – Arrivo dell'imbarcazione SLY 42 FUN (orario variabile in base alle condizioni meteo) presso il Centro Universitario Sportivo di Bari

Sabato 19 maggio 2012

Negli spazi del Centro Universitario Sportivo di Bari:

ore 10,45 Dimostrazione Sport Acquatici (Canottaggio, Canoa, Canoa Polo, etc)

ore 11, 30  Conferenza stampa “Un giro per la vita approda a Bari”

 

Interverranno: Renato Laforgia presidente Centro Sportivo Universitario di Bari, Serafina Grandolfo presidente CSI Bari, Marcello Zaetta presidente Lega Navale di Bari, Alfredo Giacon velista scrittore - Associazione ASD Jancris,  Barbara Calore di PORSCHE ITALIA, Pierluigi Turchi direttore commerciale SLY MARINE

ore 12:15 Cerimonia della STAFFETTA ALIMENTARE: i due equipaggi consegneranno al sindaco di Bari Michele Emiliano il cesto di prodotti tipici ricevuto dalle autorità di Rodi Garganico. Il Sindaco di Bari a sua volta consegnerà ai viaggiatori un cesto contenente i prodotti tipici locali da donare al primo cittadino di Brindisi

ore 17,45  Dimostrazione Sport Acquatici (Canottaggio, Canoa, Canoa Polo, etc)

ore 18,30 Lo scrittore velista Alfredo Giacon presenterà il suo ultimo libro “L'uomo che parlava con i delfini" edito da Mursia

A seguire dibattito sul tema della sicurezza in mare e utilizzo consapevole dell'auto con la partecipazione di Capitaneria di porto, Lega Navale Italiana e Porsche Italia.

 

Le finalità dell'Iniziativa

 

Un giro per la vita 2012 promuove valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta dai rischi di inquinamento e deterioramento del bene ambiente promuovendone la salvaguardia e consegnare alle nuove generazioni un bene fruibile e portatore di sviluppo e ricchezza.

Negli 8 principali approdi (tra cui Bari) del giro della penisola da Trieste ad Andora (Sv), i due equipaggi affronteranno con le comunità incontrate 8 grandi temi legati all'ambiente e allo sviluppo eco-sostenibile.

Madrina del Giro per la vita è la principessa Elettra Marconi, figlia del premio Nobel ed inventore della radio Guglielmo Marconi. La principessa Marconi è certamente un personaggio che ha speso da sempre il suo nome per promuovere lo sviluppo delle tecnologie ed ancor più rappresenta il testimonial migliore  per evidenziare la positività delle tecnologie a basso impatto ambientale.

Il viaggio sarà anche occasione d’incontro e scambio enogastronomico, con una vera e propria staffetta alimentare: in ogni porto il sindaco del luogo riceverà dall’equipaggio un cesto con le eccellenze gastronomiche di tipica provenienza dell’approdo precedente, e a sua volta ne consegnerà uno in dono alla successiva comunità. Un piccolo gesto di amicizia, ma anche di rispetto per il valore della dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 dall’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità”.

La Casa editrice Ugo Mursia Editore organizzerà presentazioni di libri a tema marinaresco- ambientalista. Per gli appassionati di auto e barche, nei principali approdi (Trieste, Chioggia, Rimini, Pescara, Bari, Napoli, Civitavecchia, Livorno e ad Andora) si organizzeranno incontri ed eventi cui parteciperanno anche appassionati di Porsche e Sly yacht; ad ogni tappa i ragazzi delle scuole saranno invitati al porto per affrontare i temi ecologici a contatto con equipaggi, auto, vela ed esperti locali.

 

I vettori

La barca a vela Sly 42 Fun è una spider del mare disegnata dal progettista friulano Marco Lostuzzi. Espressione di Sly Marine di Cesena, cantiere d’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative che in luglio varerà il nuovo scafo Sly38 ispirato al progetto di eco sostenibilità EcoNaut, la barca veleggerà lungo le coste italiane parallelamente alla nuova Porsche Panamera S Hybrid, un'automobile con motori elettrico e benzina, riciclabile al 95%. I vettori si possono annoverare come esempi di possibili alternative agli sprechi e all’avvelenamento del pianeta.

 

 

Gli equipaggi

Col suo equipaggio di quattro persone, il padovano Alfredo Giacon, ambientalista, scrittore e velista dell'Associazione Asd Jancris con la moglie Nicoletta Siviero e la loro cagnetta Trudy “consumata velista intercontinentale” più Renato Carafa amministratore di Archiweb spin-off di Sapienza Università di Roma, la vela resterà ormeggiata per almeno un giorno in ciascun porto. Durante i 64 giorni di navigazione sarà “pedinata” via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, guidata dal giornalista Roberto Brumat che percorrerà la costa accompagnato di volta in volta da colleghi delle testate giornalistiche delle località attraversate: un viaggio alla scoperta del territorio, ma anche della tecnologia Porsche che, nel caso della Panamera S Hybrid, permette alla vettura di viaggiare grazie ai motori elettrico e termico, con risparmio di carburante e con emissioni pari a zero.

Con foto, video e reportages gli equipaggi testimonieranno ciò che incontreranno sotto il profilo ambientale, culturale e del turismo alternativo.

E' lo stesso Alfredo Giacon a riassumere lo spirito dell'iniziativa: “ Per capire meglio e migliorare la propria vita, a volte, basta vedere le cose da una prospettiva diversa”.

 

I protagonisti

 

Associazione ASD Jancris

L’Associazione è emanazione diretta di Alfredo Giacon, che dal 1993 naviga nei mari di tutto il mondo con la moglie Nicoletta ed il cagnolino Trudy a bordo della loro barca a vela JANCRIS. Giornalista, scrittore, ambientalista collabora da anni con periodici specializzati e con quotidiani locali. Ha pubblicato con Mursia cinque libri, uno è stato tradotto in inglese e venduto negli Stati Uniti ed in altri in sei Paesi di lingua anglosassone. Quando non naviga è divulgatore di tematiche ambientali positive, sostiene l’impellente necessità di cambiare gli attuali stili di vita senza per questo diminuire la qualità della propria esistenza, e di un nuovo modello di sviluppo per crescere ed al contempo vivere più in armonia con questo bellissimo Pianeta. www.alfredogiacon.com

 

Panamera S Hybrid

Full hybrid parallelo, motore V6 da tre litri sovralimentato da compressore e motore elettrico sincrono con una potenza complessiva del sistema pari a 380 CV (279 kW); Tiptronic S a otto rapporti; accelerazione 0 – 100 km/h in 6,0 secondi; velocità massima 270 km/h; consumo in base al NCPE 7,1 l/100 km; CO2 167 g/km, con pneumatici All Season a bassa resistenza al rotolamento  6,8 l/100 km; CO2  159 g/km. La Porsche Panamera S Hybrid, vettura full hybrid parallelo nel segmento delle Gran Turismo, presenta potenziali straordinari. Alimentata esclusivamente dal motore elettrico riesce a percorrere circa due chilometri e in funzione della situazione di guida, può raggiungere velocità fino a 85 km/h con la sola alimentazione elettrica. L’ibrido Porsche costituisce l’unico sistema in grado di sfruttare anche altre funzionalità utili a ridurre il consumo alle velocità più alte spostandosi ovvero “veleggiando” con il motore a combustione spento sulle autostrade e sulle strade provinciali. In assenza di potenza motrice, alle velocità fino a 165 km/h, il motore a combustione viene disaccoppiato dal sistema di trazione e spento. Grazie alla notevole riduzione delle emissioni, la Panamera S Hybrid presenta attualmente alcuni vantaggi fiscali su numerosi mercati. Rispetto alla Panamera S, in Germania la tassa automobilistica si riduce di 204 Euro annui. Il modello ibrido permette al suo titolare un risparmio una tantum di rispettivamente 1.850 Euro in Francia, 4.475 Euro in Spagna e 8.584 Euro nei Paesi Bassi. Sui mercati extraeuropei il proprietario di una Panamera S Hybrid può ottenere risparmi fino a 2.200 dollari USA negli Stati Uniti, il controvalore di circa 4.000 Euro in Giappone, mentre in Cina questo vantaggio raggiunge il valore di circa 15.000 Euro.

 

 

Sly Marine

Sly è da sempre cantiere all’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative, nelle soluzioni di design, nell’attenzione per l’ambiente: il progetto EcoNaut, di cui è promotore con il nuovo Sly38, vede il Cantiere in prima linea nella volontà di definire regole e linee guida per ridurre l’impatto ambientale in ogni fase del ciclo di vita delle proprie imbarcazioni. Sly costruisce barche per chi ama il mare, e si diverte veleggiando con esse. www.sly-yachts.it

 

 

In barca: Alfredo Giacon 348.2693659 – In auto: Roberto Brumat 347.3020664 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Ufficio stampa Un giro per la vita). Info, foto e video su www.ungiroperlavita.it e su www.corriereveneto.it nel blog Nuovi stili di vita

Martedi, 15 Maggio, farà tappa, ospitato dal Porto turistico “Marina di San Pietro - Termoli”, “Un Giro per la vita”, la manifestazione  promossa dalla Associazione ASD Jancris del velista Alfredo Giacon, con la partnership di Porsche Italia e Sly Marine e con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente, Lega Navale Italiana, Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Centro Internazionale Radio Medico, Assonautica, Eurispes, Acegas Aps, Centro Sportivo Italiano.

La tappa di Termoli, programmata e inserita nel piano di rotta nazionale, con la collaborazione del velista termolese Alberto Baccari, presidente della scuola velica Endurance Sailing Team  e la Marinucci Yachting Club, rappresenta un ulteriore passo avanti della nautica locale che tende all’inserimento nel panorama nautico nazionale ed internazionale aprendo nuove prospettive per il settore della vela e dell’ambiente.

L’iniziativa, infatti si propone, attraverso un percorso lungo le coste della penisola da Trieste a Andora (Sv), di valorizzare gli stili di vita del mare come modello di sviluppo sociale ed economico sostenibile.

Un giro per la vita 2012 promuove valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta dai rischi di inquinamento e deterioramento del bene ambiente promuovendone la salvaguardia e consegnare alle nuove generazioni un bene fruibile e portatore di sviluppo e ricchezza.

Il viaggio sarà anche occasione d’incontro e scambio enogastronomico, con una vera e propria staffetta alimentare: in ogni porto il sindaco del luogo riceverà dall’equipaggio un cesto con le eccellenze gastronomiche di tipica provenienza dell’approdo precedente, e a sua volta ne consegnerà uno in dono alla successiva comunità. Un piccolo gesto di amicizia, ma anche di rispetto per il valore della dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 dall’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità”.

Programma dell’evento:

14 Maggio: arrivo nel pomeriggio dell’imbarcazione, proveniente da Pescara, nel “Marina di San Pietro”

15 Maggio:

                ore 11:00 - Conferenza stampa e consegna del cesto di prodotti tipici per la staffetta alimentare.

                ore 19:00 - Dibattito sulla sicurezza in mare e utilizzo consapevole dell’auto.

                ore 20:00Lezione di astronomia tenuta dall’ADRAM e osservazione del cielo con telescopi.

16 Maggio: partenza in mattinata dell’imbarcazione facente nuova rotta su Rodi Garganico

 

La partecipazione è libera e gratuita.

E’ importante partecipare per dimostrare, soprattutto in questo momento, quanto sia necessario un punto di vista produttivo e mirato alla sostenibilità ambientale.

Per seguire in diretta la rotta del giro, e approfondire sull’iniziativa: www.ungiroperlavita.it

PESCARA sabato 13 maggio 2012. Causa l’approssimarsi del maltempo con vento forza 25 nodi e previsione di onde alte due metri e mezzo, la barca a vela Sly 42 Fun della Sly Marine e la Porsche Panamera S Hybrid lunedì non prenderanno il largo in direzione Termoli. Tappa più lunga del previsto quindi al Marina di Pescara per i due equipaggi che, partiti il 30 aprile da Trieste proseguiranno per la Puglia per concludere l’8 luglio il primo Giro per la vita ad Andora (Sv).

 

Il tour ecologico è promosso dall’Associazione ASD Jancris, con la partnership di Porsche Italia e Sly Marine e con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente, Lega Navale Italiana, Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Centro Internazionale Radio Medico, Assonautica, Eurispes, Acegas Aps, Centro Sportivo Italiano, la Federazione Italiana Vela e, in ambito locale con il sostegno  del Comune e dalla Provincia di Pescara, di “Marina di Pescara”, Camera di Commercio.

Percorrendo le coste della penisola l’iniziativa si propone di valorizzare gli stili di vita del mare come modello di sviluppo sociale ed economico sostenibile: per questo i mezzi impegnati sono una barca a vela governata da Alfredo Giacon e Renato Carafa e la Porsche guidata dal giornalista Roberto Brumat, che ospiterà a bordo della vettura di volta in volta i colleghi dei media locali. Battendo i luoghi comuni quest’auto percorre metà del suo itinerario a impatto zero, veleggiando in modalità elettrica.

Nella giornata di sabato l’ospitalità data dal Marina di Pescara a “Un giro per la vita” ha permesso un incontro con la stampa e la consegna all’assessore al Turismo Mariagrazia Palusci del cesto di specialità alimentari predisposto dal Comune di San Benedetto del Tronto. L’assessore a sua volta ha fatto dono all’equipaggio di un grande cesto che sarà consegnato al sindaco di Termoli tramite questa staffetta alimentare di “Un giro per la vita”. Sempre ieri al Marina, incontro con le scolaresche sul tema “Turismo, città e logistica urbana: quale modello di sviluppo sostenibile proporre?” tenuto da Massimo Marcian consulente Ministero dei Trasporti; e presentazione di quattro libri del velista scrittore padovano Alfredo Giacon pubblicati da Mursia (Oltre l’orizzonte, Magico Egeo, Magica Turchia, L’uomo che parlava con i delfini). Nel suo intervento, il capo reparto tecnico amministrativo della Direzione Marittima di Pescara Antonio Catino ha parlato di sicurezza in mare. Ad accogliere vela e auto al loro arrivo venerdì sera sulla banchina del porto erano intervenuti il comandante della Direzione Marittima Luciano Pozzolano, il presidente dell’Assonautica Francesco di Filippo e il direttore del Marina Nicola Francescucci.

 

 

 

Le finalità dell'Iniziativa

 

Un giro per la vita 2012 promuove valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta dai rischi di inquinamento e deterioramento del bene ambiente promuovendone la salvaguardia e consegnare alle nuove generazioni un bene fruibile e portatore di sviluppo e ricchezza.

Negli 8 principali approdi (tra cui Pescara) del giro della penisola da Trieste ad Andora (Sv), i due equipaggi affronteranno con le comunità incontrate 8 grandi temi legati all'ambiente e allo sviluppo eco-sostenibile.

Madrina del Giro per la vita è la principessa Elettra Marconi, figlia del premio Nobel ed inventore della radio Guglielmo Marconi. La principessa Marconi è certamente un personaggio che ha speso da sempre il suo nome per promuovere lo sviluppo delle tecnologie ed ancor più rappresenta il testimonial migliore  per evidenziare la positività delle tecnologie a basso impatto ambientale.

Il viaggio sarà anche occasione d’incontro e scambio enogastronomico, con una vera e propria staffetta alimentare: in ogni porto il sindaco del luogo riceverà dall’equipaggio un cesto con le eccellenze gastronomiche di tipica provenienza dell’approdo precedente, e a sua volta ne consegnerà uno in dono alla successiva comunità. Un piccolo gesto di amicizia, ma anche di rispetto per il valore della dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 dall’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità”.

La Casa editrice Ugo Mursia Editore organizzerà presentazioni di libri a tema marinaresco- ambientalista. Per gli appassionati di auto e barche, nei principali approdi (Trieste, Chioggia, Rimini, Pescara, Bari, Napoli, Civitavecchia, Livorno e ad Andora) si organizzeranno incontri ed eventi cui parteciperanno anche appassionati di Porsche e Sly yacht; ad ogni tappa i ragazzi delle scuole saranno invitati al porto per affrontare i temi ecologici a contatto con equipaggi, auto, vela ed esperti locali.

 

I vettori

La barca a vela Sly 42 Fun è una spider del mare disegnata dal progettista friulano Marco Lostuzzi. Espressione di Sly Marine di Cesena, cantiere d’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative che in luglio varerà il nuovo scafo Sly38 ispirato al progetto di eco sostenibilità EcoNaut, la barca veleggerà lungo le coste italiane parallelamente alla nuova Porsche Panamera S Hybrid, un'automobile con motori elettrico e benzina, riciclabile al 95%. I vettori si possono annoverare come esempi di possibili alternative agli sprechi e all’avvelenamento del pianeta.

 

 

Gli equipaggi

Col suo equipaggio di quattro persone, il padovano Alfredo Giacon, ambientalista, scrittore e velista dell'Associazione Asd Jancris con la moglie Nicoletta Siviero e la loro cagnetta Trudy “consumata velista intercontinentale” più Renato Carafa amministratore di Archiweb spin-off di Sapienza Università di Roma e il figlio Paolo di 9 anni, la vela resterà ormeggiata per almeno un giorno in ciascun porto. Durante i 64 giorni di navigazione sarà “pedinata” via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, guidata dal giornalista Roberto Brumat che percorrerà la costa accompagnato di volta in volta da colleghi delle testate giornalistiche delle località attraversate: un viaggio alla scoperta del territorio, ma anche della tecnologia Porsche che, nel caso della Panamera S Hybrid, permette alla vettura di viaggiare grazie ai motori elettrico e termico, con risparmio di carburante e con emissioni pari a zero.

Con foto, video e reportages gli equipaggi testimonieranno ciò che incontreranno sotto il profilo ambientale, culturale e del turismo alternativo.

E' lo stesso Alfredo Giacon a riassumere lo spirito dell'iniziativa: “ Per capire meglio e migliorare la propria vita, a volte, basta vedere le cose da una prospettiva diversa”.

 

I protagonisti

 

Associazione ASD Jancris

L’Associazione è emanazione diretta di Alfredo Giacon, che dal 1993 naviga nei mari di tutto il mondo con la moglie Nicoletta ed il cagnolino Trudy a bordo della loro barca a vela JANCRIS. Giornalista, scrittore, ambientalista collabora da anni con periodici specializzati e con quotidiani locali. Ha pubblicato con Mursia cinque libri, uno è stato tradotto in inglese e venduto negli Stati Uniti ed in altri in sei Paesi di lingua anglosassone. Quando non naviga è divulgatore di tematiche ambientali positive, sostiene l’impellente necessità di cambiare gli attuali stili di vita senza per questo diminuire la qualità della propria esistenza, e di un nuovo modello di sviluppo per crescere ed al contempo vivere più in armonia con questo bellissimo Pianeta. www.alfredogiacon.com

 

Panamera S Hybrid

Full hybrid parallelo, motore V6 da tre litri sovralimentato da compressore e motore elettrico sincrono con una potenza complessiva del sistema pari a 380 CV (279 kW); Tiptronic S a otto rapporti; accelerazione 0 – 100 km/h in 6,0 secondi; velocità massima 270 km/h; consumo in base al NCPE 7,1 l/100 km; CO2 167 g/km, con pneumatici All Season a bassa resistenza al rotolamento  6,8 l/100 km; CO2  159 g/km. La Porsche Panamera S Hybrid, vettura full hybrid parallelo nel segmento delle Gran Turismo, presenta potenziali straordinari. Alimentata esclusivamente dal motore elettrico riesce a percorrere circa due chilometri e in funzione della situazione di guida, può raggiungere velocità fino a 85 km/h con la sola alimentazione elettrica. L’ibrido Porsche costituisce l’unico sistema in grado di sfruttare anche altre funzionalità utili a ridurre il consumo alle velocità più alte spostandosi ovvero “veleggiando” con il motore a combustione spento sulle autostrade e sulle strade provinciali. In assenza di potenza motrice, alle velocità fino a 165 km/h, il motore a combustione viene disaccoppiato dal sistema di trazione e spento. Grazie alla notevole riduzione delle emissioni, la Panamera S Hybrid presenta attualmente alcuni vantaggi fiscali su numerosi mercati. Rispetto alla Panamera S, in Germania la tassa automobilistica si riduce di 204 Euro annui. Il modello ibrido permette al suo titolare un risparmio una tantum di rispettivamente 1.850 Euro in Francia, 4.475 Euro in Spagna e 8.584 Euro nei Paesi Bassi. Sui mercati extraeuropei il proprietario di una Panamera S Hybrid può ottenere risparmi fino a 2.200 dollari USA negli Stati Uniti, il controvalore di circa 4.000 Euro in Giappone, mentre in Cina questo vantaggio raggiunge il valore di circa 15.000 Euro.

 

 

Sly Marine

Sly è da sempre cantiere all’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative, nelle soluzioni di design, nell’attenzione per l’ambiente: il progetto EcoNaut, di cui è promotore con il nuovo Sly38, vede il Cantiere in prima linea nella volontà di definire regole e linee guida per ridurre l’impatto ambientale in ogni fase del ciclo di vita delle proprie imbarcazioni. Sly costruisce barche per chi ama il mare, e si diverte veleggiando con esse. www.sly-yachts.it

 

 

 In barca: Alfredo Giacon 348.2693659 – In auto: Roberto Brumat 347.3020664 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Ufficio stampa Un giro per la vita). Info, foto e video su www.ungiroperlavita.it e su www.corriereveneto.it blog Nuovi stili di vita

30 aprile - 8 luglio. Dal Friuli alla Liguria sviluppo sostenibile

lungo le coste e le strade

Mezzi innovativi, cibi a km 0, nuovi stili di vita e cultura dell’ambiente

 

Un giro per la vita

primo giro d’Italia ecologico

in barca a vela e Porsche ibrida

 

Venerdì, 11 maggio 2012 farà tappa per tre giorni al “Marina di Pescara” (Lungomare Cristoforo Colombo) “Un Giro per la vita”, la manifestazione  promossa dalla Associazione ASD Jancris, con la partnership di Porsche Italia e Sly Marine e con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente, Lega Navale Italiana, Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Centro Internazionale Radio Medico, Assonautica, Eurispes, Acegas Aps, Centro Sportivo Italiano e, in ambito locale con il sostegno  del Comune e dalla Provincia di Pescara, di “Marina di Pescara”, Camera di Commercio.

L'iniziativa si propone, attraverso un percorso lungo le coste della penisola da Trieste a Andora (Sv), di valorizzare gli stili di vita del mare come modello di sviluppo sociale ed economico sostenibile.

Il viaggio effettuato via mare dalla barca a vela Sly 42 Fun della Sly Marine, con quattro persone di equipaggio a bordo (Alfredo Giacon, Nicoletta Siviero, Renato Carafa e il piccolo Paolo, 9 anni) e dalla Porsche Panamera S Hybrid, guidata dal giornalista Roberto Brumat, che ospiterà a bordo della vettura di volta in volta i colleghi dei media locali.

 

  

La tappa di Pescara, propone i seguenti appuntamenti:

 

venerdì, 11 maggio 2012 alla MARINA di Pescara

(Lungomare Cristoforo Colombo)

 

17.00     Arrivo di Panamera S Hybrid accolta del Direttore di “Marina di Pescara” con i ragazzi del CSI  Pescara

18.00     Arrivo di Sly 42 Fun accompagnata dei ragazzi del Circolo Nautico e degli amanti della vela e accolta in banchina dal Direttore di “Marina di Pescara”

18.30     Ormeggio Barca e sosta Auto, presso la MARINA

 

 

sabato, 12 maggio 2012 c/o la MARINA di Pescara

(Lungomare Cristoforo Colombo)

 

11.00   Conferenza stampa    

12.00   Incontro con le scolaresche sul tema

“Turismo, città e logistica urbana: quale modello di sviluppo sostenibile proporre?”     

 

                       

intervengono:

Massimo Marcian - Esperto consulta dell'autotrasporto                              Ministero dei Trasporti

Marina FatelliAmministratore delegato Colline Romane Scarl

17.30   Presentazione del libro

            “L'uomo che parlava con i delfini”

            di Alfredo GIACON edito da MURSIA Editore

18.15     Incontro con la CAPITANERIA di PORTO sul tema “Sicurezza in mare”

18.35     Dibattito sul tema “Utilizzo Consapevole dell'auto e della Barca” con Porsche Italia e Sly-Yachts - intervento dei giornalisti

 

 

Le finalità dell'Iniziativa

 

Un giro per la vita 2012 promuove valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta dai rischi di inquinamento e deterioramento del bene ambiente promuovendone la salvaguardia e consegnare alle nuove generazioni un bene fruibile e portatore di sviluppo e ricchezza.

Negli 8 principali approdi (tra cui Pescara) del giro della penisola da Trieste ad Andora (Sv), i due equipaggi affronteranno con le comunità incontrate 8 grandi temi legati all'ambiente e allo sviluppo eco-sostenibile.

Madrina del Giro per la vita è la principessa Elettra Marconi, figlia del premio Nobel ed inventore della radio Guglielmo Marconi. La principessa Marconi è certamente un personaggio che ha speso da sempre il suo nome per promuovere lo sviluppo delle tecnologie ed ancor più rappresenta il testimonial migliore  per evidenziare la positività delle tecnologie a basso impatto ambientale.

Il viaggio sarà anche occasione d’incontro e scambio enogastronomico, con una vera e propria staffetta alimentare: in ogni porto il sindaco del luogo riceverà dall’equipaggio un cesto con le eccellenze gastronomiche di tipica provenienza dell’approdo precedente, e a sua volta ne consegnerà uno in dono alla successiva comunità. Un piccolo gesto di amicizia, ma anche di rispetto per il valore della dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 dall’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità”.

La Casa editrice Ugo Mursia Editore organizzerà presentazioni di libri a tema marinaresco- ambientalista. Per gli appassionati di auto e barche, nei principali approdi (Trieste, Chioggia, Rimini, Pescara, Bari, Napoli, Civitavecchia, Livorno e ad Andora) si organizzeranno incontri ed eventi cui parteciperanno anche appassionati di Porsche e Sly yacht; ad ogni tappa i ragazzi delle scuole saranno invitati al porto per affrontare i temi ecologici a contatto con equipaggi, auto, vela ed esperti locali.

 

I vettori

La barca a vela Sly 42 Fun è una spider del mare disegnata dal progettista friulano Marco Lostuzzi. Espressione di Sly Marine di Cesena, cantiere d’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative che in luglio varerà il nuovo scafo Sly38 ispirato al progetto di eco sostenibilità EcoNaut, la barca veleggerà lungo le coste italiane parallelamente alla nuova Porsche Panamera S Hybrid, un'automobile con motori elettrico e benzina, riciclabile al 95%. I vettori si possono annoverare come esempi di possibili alternative agli sprechi e all’avvelenamento del pianeta.

 

 

Gli equipaggi

Col suo equipaggio di quattro persone, il padovano Alfredo Giacon, ambientalista, scrittore e velista dell'Associazione Asd Jancris con la moglie Nicoletta Siviero e la loro cagnetta Trudy “consumata velista intercontinentale” più Renato Carafa amministratore di Archiweb spin-off di Sapienza Università di Roma e il figlio Paolo di 9 anni, la vela resterà ormeggiata per almeno un giorno in ciascun porto. Durante i 64 giorni di navigazione sarà “pedinata” via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, guidata dal giornalista Roberto Brumat che percorrerà la costa accompagnato di volta in volta da colleghi delle testate giornalistiche delle località attraversate: un viaggio alla scoperta del territorio, ma anche della tecnologia Porsche che, nel caso della Panamera S Hybrid, permette alla vettura di viaggiare grazie ai motori elettrico e termico, con risparmio di carburante e con emissioni pari a zero.

Con foto, video e reportages gli equipaggi testimonieranno ciò che incontreranno sotto il profilo ambientale, culturale e del turismo alternativo.

E' lo stesso Alfredo Giacon a riassumere lo spirito dell'iniziativa: “ Per capire meglio e migliorare la propria vita, a volte, basta vedere le cose da una prospettiva diversa”.

 

I protagonisti

 

Associazione ASD Jancris

L’Associazione è emanazione diretta di Alfredo Giacon, che dal 1993 naviga nei mari di tutto il mondo con la moglie Nicoletta ed il cagnolino Trudy a bordo della loro barca a vela JANCRIS. Giornalista, scrittore, ambientalista collabora da anni con periodici specializzati e con quotidiani locali. Ha pubblicato con Mursia cinque libri, uno è stato tradotto in inglese e venduto negli Stati Uniti ed in altri in sei Paesi di lingua anglosassone. Quando non naviga è divulgatore di tematiche ambientali positive, sostiene l’impellente necessità di cambiare gli attuali stili di vita senza per questo diminuire la qualità della propria esistenza, e di un nuovo modello di sviluppo per crescere ed al contempo vivere più in armonia con questo bellissimo Pianeta. www.alfredogiacon.com

 

Panamera S Hybrid

Full hybrid parallelo, motore V6 da tre litri sovralimentato da compressore e motore elettrico sincrono con una potenza complessiva del sistema pari a 380 CV (279 kW); Tiptronic S a otto rapporti; accelerazione 0 – 100 km/h in 6,0 secondi; velocità massima 270 km/h; consumo in base al NCPE 7,1 l/100 km; CO2 167 g/km, con pneumatici All Season a bassa resistenza al rotolamento  6,8 l/100 km; CO2  159 g/km. La Porsche Panamera S Hybrid, vettura full hybrid parallelo nel segmento delle Gran Turismo, presenta potenziali straordinari. Alimentata esclusivamente dal motore elettrico riesce a percorrere circa due chilometri e in funzione della situazione di guida, può raggiungere velocità fino a 85 km/h con la sola alimentazione elettrica. L’ibrido Porsche costituisce l’unico sistema in grado di sfruttare anche altre funzionalità utili a ridurre il consumo alle velocità più alte spostandosi ovvero “veleggiando” con il motore a combustione spento sulle autostrade e sulle strade provinciali. In assenza di potenza motrice, alle velocità fino a 165 km/h, il motore a combustione viene disaccoppiato dal sistema di trazione e spento. Grazie alla notevole riduzione delle emissioni, la Panamera S Hybrid presenta attualmente alcuni vantaggi fiscali su numerosi mercati. Rispetto alla Panamera S, in Germania la tassa automobilistica si riduce di 204 Euro annui. Il modello ibrido permette al suo titolare un risparmio una tantum di rispettivamente 1.850 Euro in Francia, 4.475 Euro in Spagna e 8.584 Euro nei Paesi Bassi. Sui mercati extraeuropei il proprietario di una Panamera S Hybrid può ottenere risparmi fino a 2.200 dollari USA negli Stati Uniti, il controvalore di circa 4.000 Euro in Giappone, mentre in Cina questo vantaggio raggiunge il valore di circa 15.000 Euro.


 

 

Sly Marine

Sly è da sempre cantiere all’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative, nelle soluzioni di design, nell’attenzione per l’ambiente: il progetto EcoNaut, di cui è promotore con il nuovo Sly38, vede il Cantiere in prima linea nella volontà di definire regole e linee guida per ridurre l’impatto ambientale in ogni fase del ciclo di vita delle proprie imbarcazioni. Sly costruisce barche per chi ama il mare, e si diverte veleggiando con esse. www.sly-yachts.it

 

 

 In barca: Alfredo Giacon 348.2693659 – In auto: Roberto Brumat 347.3020664 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Ufficio stampa Un giro per la vita). Info, foto e video su www.ungiroperlavita.it e su www.corriereveneto.it blog Nuovi stili di vita

30 aprile - 8 luglio.  Dal Friuli alla Liguria sviluppo sostenibile lungo le coste e le strade

Mezzi innovativi, cibi a km 0, nuovi stili di vita e cultura dell’ambiente

 

Arriva a Rimini Un giro per la vita

primo giro d’Italia ecologico

in barca a vela e Porsche ibrida

 

 

La sera di venerdì 4 maggio al Marina di Rimini (via Ortigara 78) si incontrano i due equipaggi della barca a vela Sly 42 Fun della Sly Marine e della Porsche Panamera S Hybrid, partiti la stessa mattina dal porto di Ravenna per la quarta di 25 tappe di Un giro per la vita 2012, primo tour che fino all’8 luglio porterà un messaggio ecologico nelle 15 regioni “marinare” circumnavigando l’Italia.

 

Coperti le 30 miglia marine e i 100 km via terra (il più possibile sotto costa), i due equipaggi di giornalisti sono ora accolti a Rimini, città che alla tutela dell’ambiente marino guarda con grande attenzione. Sono proprio le tematiche ambientali quelle che sottendono questa iniziativa ideata da Alfredo Giacon, ambientalista scrittore e velista padovano dell’associazione ASD Jancris, e sposata da due aziende molto attente alla tutela ambientale come Porsche Italia e Sly Marine, col patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Comando Generale del corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, del Centro Internazionale Radio Medico, di Assonautica, di Eurispes, ACEGAS APS, in collaborazione con Centro Sportivo Italiano e Lega Navale Italiana.

La tappa di Rimini, che i due equipaggi lasceranno la mattina del 7 maggio alla volta di Ancona, prevede i seguenti appuntamenti: sabato 5 maggio alle 11,30 nella sala conferenze del Marina di Rimini, conferenza stampa e consegna, dal velista padovano Alfredo Giacon al primo cittadino di Rimini Andrea Gnassi, del cesto di prodotti tipici consegnatogli dal sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci per farne omaggio al collega romagnolo. Nel contempo il sindaco di Rimini porterà il proprio contributo a questa originale staffetta alimentare, rivolto al sindaco di Ancona. Sempre il 5 maggio al Marina di Rimini, alle ore 17 presentazione del

 

 

 libro “L’uomo che parlava con i delfini”

 

(Mursia editore) scritto da Alfredo Giacon. Alle 18,30 degustazione vini “La collina dei ciliegi” e alle 21 dibattito sulla sicurezza in mare e utilizzo consapevole dell’auto. Lunedì 7 maggio di prima mattina i due equipaggi della vela e della Porsche ibrida partiranno per Ancona.

 

Un giro per la vita 2012 promuove valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta per consegnarlo sano alle nuove generazioni, così come lo abbiamo ereditato.

Negli 8 principali approdi (tra cui Rimini) del giro della penisola da Trieste ad Andora (Sv), i due equipaggi affronteranno con le comunità incontrate 8 grandi temi ambientalisti. <<La barca a vela Sly 42 Fun è una spider del mare disegnata dal progettista udinese Marco Lostuzzi. Espressione di Sly Marine di Cesena, cantiere d’avanguardia nella ricerca di soluzioni tecnologiche innovative che in luglio varerà l’innovativo scafo Sly38 ispirato al progetto di eco sostenibilità EcoNaut - spiega Giacon – la nostra barca veleggerà parallela alla nuova Porsche Panamera S Hybrid che non è solo un modello con motori elettrico e benzina, ma è anche un’automobile riciclabile al 95%. Due esempi di possibili alternative agli sprechi e all’avvelenamento del pianeta>>.

 

Gli equipaggi

Col suo equipaggio di quattro persone, Alfredo Giacon con la moglie Nicoletta Siviero e la loro cagnetta Trudy “consumata velista intercontinentale” più Renato Carafa amministratore delegato di Archiweb srl spin-off dell’Università La Sapienza di Roma e il figlio Paolo di 9 anni, la vela resterà ormeggiata per almeno un giorno in ciascun porto. Durante i 64 giorni di navigazione sarà “pedinata” via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, guidata dal giornalista Roberto Brumat che seguirà la costa assieme a colleghi dei media locali: un viaggio alla scoperta del territorio, ma anche della tecnologia Porsche che, nel caso della Panamera S Hybrid, permette alla vettura di veleggiare grazie al disaccoppiamento dei motori elettrico e termico, con risparmio di carburante e con emissioni che scendono a zero.

Con foto, video, reportages gli equipaggi testimonieranno ciò che incontreranno sotto il profilo ambientale, culturale e del turismo alternativo.

 

Per evidenziare la positività delle tecnologie a basso impatto ambientale, madrina del Giro per la vita è la principessa Elettra Marconi, figlia dell’inventore della radio e premio Nobel a 35 anni. Il viaggio sarà anche occasione d’incontro e scambio enogastronomico, con una vera e propria staffetta alimentare: in ogni porto il sindaco riceverà dall’equipaggio un cesto con le eccellenze gastronomiche offerte dall’approdo precedente, e a sua volta ne consegnerà uno in dono alla successiva comunità. Un piccolo gesto di amicizia, ma anche di rispetto per il valore della dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 dall’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità”.

A proposito di cultura, Ugo Mursia Editore organizzerà presentazioni di libri a tema marinaresco- ambientalista. Per gli appassionati di auto e barche, nei principali approdi (Trieste, Chioggia, Rimini, Pescara, Bari, Napoli, Civitavecchia, Livorno e ad Andora) si organizzeranno incontri ed eventi cui potranno partecipare anche appassionati di Porsche e Sly yacht; ad ogni tappa i ragazzi delle scuole saranno invitati al porto per affrontare i temi ecologici a contatto con equipaggi, auto, vela ed esperti locali.

<<Per capire meglio, e migliorare la propria vita - dice Alfredo Giacon- a volte basta vedere le cose da una prospettiva diversa>>.

 

In barca: Alfredo Giacon 348 2693659 – In auto: Roberto Brumat 347 3020664 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Ufficio stampa Un giro per la vita). Info, foto e video su www.ungiroperlavita.it e su www.corriereveneto.it blog Nuovi stili di vita 

CONFERENZA STAMPA

 

Un giro per la vita

con staffetta alimentare

 

Il 5 maggio da Ravenna arriva a Rimini

il primo giro d’Italia ecologico

in barca a vela e auto ibrida

 

RIMINI. Sabato 5 maggio alle 11,30 nella sala conferenze del Marina di Rimini (via Ortigara 78),  conferenza stampa della tappa riminese del primo giro d’Italia ecologico in barca a vela (su Sly 42 Fun) e in auto (su Porsche Panamera S Hybrid), partito il 30 aprile da Trieste. Nell’occasione il velista Alfredo Giacon consegnerà al primo cittadino di Rimini Andrea Gnassi il cesto di prodotti tipici consegnatogli dal sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci per farne omaggio al collega romagnolo. Nel contempo il sindaco di Rimini porterà il proprio contributo a questa originale staffetta alimentare, rivolto al sindaco di Ancona.

Interverranno:

Andrea GNASSI sindaco di Rimini

Alfredo GIACON velista scrittore - Associazione ASD Jancris

Barbara CALORE di Porsche Italia

Pierluigi TURCHI direttore commerciale SLY MARINE

 

Sempre il 5 maggio al Marina di Rimini, alle ore 17

 

 presentazione del libro “L’uomo che parlava con i delfini”

 

(Mursia editore) scritto da Alfredo Giacon. Alle 18,30 degustazione vini “La collina dei ciliegi” e alle 21 dibattito sulla sicurezza in mare e utilizzo consapevole dell’auto. Lunedì 7 maggio di prima mattina i due equipaggi della vela e della Porsche ibrida partiranno per Ancona.

 

 

Vi aspettiamo

          Roberto Brumat

Ufficio stampa Un giro per la vita

347 3020664  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.                

1 maggio - 8 luglio, sviluppo sostenibile lungo le coste e le strade dal Friuli alla Liguria
Mezzi innovativi, cibi a km 0, nuovi stili di vita e cultura dell’ambiente 

Un giro per la vita
primo giro d’Italia ecologico in barca a vela
con Sly 42 Fun e in auto con Porsche Panamera S Hybrid

Una barca a vela del cantiere italiano Sly, la Sly 42 Fun e la Porsche Panamera S Hybrid, ovvero il mare visto da terra e la terra vista dal mare. Saranno 1.500 miglia, dal confine orientale a quello occidentale, costeggiando la penisola, quelle che dal primo maggio all’8 luglio copriranno i due equipaggi di Un giro per la vita 2012 per portare in 11 regioni “marinare” un messaggio ecologico preciso: promuovere valori e stili di vita compatibili con la necessità di preservare il pianeta per consegnarlo sano alle nuove generazioni, così come lo abbiamo ereditato. Migliorare la nostra vita è possibile, facendo scelte virtuose. L’iniziativa di Alfredo Giacon, ambientalista scrittore e velista padovano dell’associazione ASD Jancris, in collaborazione con Centro Sportivo Italiano e Lega Navale Italiana e col contributo di Porsche Italia e Sly Marine, consiste nel proporre 8 temi per un cambiamento realistico e immediato a chi i due equipaggi incontreranno via mare e via terra durante la circumnavigazione d‘Italia in 25 tappe, da Trieste ad Andora (Sv). Il Giro ha il patrocinio del Comando Generale del corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, del Centro Internazionale Radio  Medico, di Assonautica e di Eurispes.

<<La barca a vela Sly 42 Fun, espressione del cantiere Sly Marine di Cesena che in luglio varerà l’innovativo scafo Sly38 ispirato al progetto di ecosostenibilità EcoNaut, e la nuovissima Porsche Panamera S Hybrid  veleggeranno insieme – spiega Giacon - come esempi di possibili alternative agli sprechi e all’avvelenamento del pianeta>>.

Ad ogni rendez-vous dei due mezzi ecologici, il Comune ospite e le sezioni locali della Lega Navale Italiana e del Centro Sportivo Italiano, richiameranno pubblico per un cocktail di benvenuto con prodotti tipici a km 0 e per parlare (secondo un programma che si rinnova ogni tre tappe) di nuovi stili di vita, innovazione, turismo intelligente, beni culturali, Mediterraneo, dieta mediterranea, letteratura di viaggio, sport pulito.

Col suo equipaggio di 3/4 persone e una cagnetta “consumata velista intercontinentale”, resterà ormeggiata per un’intera giornata in ciascun approdo. Durante i 64 giorni di navigazione sarà seguita via terra dalla Porsche Panamera S Hybrid, prima vettura full hybrid parallelo tra le granturismo, che veleggia, ossia al di sotto dei 165 km/h rilasciando l’acceleratore mette in funzione il motore elettrico. Con foto, video e reportages gli equipaggi testimonieranno ciò che incontreranno, sotto il profilo ambientale, culturale e del turismo alternativo.

Per evidenziare la positività delle tecnologie a basso impatto ambientale, il Giro per la vita ha come madrina la principessa Elettra Marconi, figlia dell’inventore della radio (premio Nobel a 35 anni). Il viaggio sarà anche occasione d’incontro e scambio enogastronomico, con una vera e propria staffetta alimentare: in ogni porto, dove la barca verrà accolta da una lancia della Capitaneria che la scorterà anche alla partenza, il sindaco riceverà dall’equipaggio un cesto con le eccellenze gastronomiche offerte dall’approdo precedente, e a sua volta ne consegnerà uno in dono alla comunità che i viaggiatori andranno ad incontrare: gesto di amicizia, ma anche di rispetto per il valore della dieta mediterranea, riconosciuta nel 2010 dall’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità”.

Sempre a proposito di cultura, Ugo Mursia Editore organizzerà alcune presentazioni di libri a tema marinaresco- ambientalista. Per gli appassionati di auto e barche, nei principali approdi delle 25 tappe (Trieste, Rimini, Pescara, Bari, Napoli, Civitavecchia, Livorno e ad Andora) si organizzeranno incontri ed eventi per i proprietari di Porsche e Sly yacht, incluse prove di pilotaggio di questi due mezzi rispettosi dell’ambiente; ad ogni tappa i ragazzi delle scuole saranno invitati al porto per affrontare i temi ecologici a contatto con equipaggi, auto, vela ed esperti locali.

Appuntamento quindi il 28 e 29 aprile 2012 al porto di Trieste per l’incontro con gli equipaggi e il saluto del sindaco Roberto Cosolini; primo maggio, prima tappa a Chioggia. L’arrivo ad Andora (3 luglio) sarà invece accolto dal sindaco Franco Floris, strenuo sostenitore del Santuario dei Cetacei, parco marino tra Liguria e Toscana, la cui realizzazione ha permesso la sopravvivenza nel Tirreno di alcuni cetacei stanziali: 4 tipi di balene e altrettanti di delfini, oltre alla tartaruga Caretta Caretta.

Per capire meglio, e migliorare la propria vita - dice Alfredo Giacon- a volte basta vedere le cose da una prospettiva diversa.

www.ungiroperlavita.it        www.alfredogiacon.com

Ufficio stampa Un giro per la vita: Roberto Brumat (347 3020664 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

In collaborazione con: